Foto-album Trabocchi Vastesi

AH AH AH finalmente vi ho pescati in errore…. Ho visto la pagina di lucfan sulle foto dei trabocchi vastesi e quale è stato il mio orrore nel vedere che solo i trabocchi del porto oltre che quello di località trave sono stati ripresi… Quello che vorrei fare a questo punto è lanciare una gara a fornire il prima possibile foto degli altri trabocchi vastesi, anche quelli da ricostruire al fine di non perdere la documentazione su queste importanti testimonianze del nostro passato.. Io ne ho riguardanti se non sbaglio il secondo trabocco purtroppo distrutto negli anni settanta-ottanta, ma sono in analogico.. chi me le converte?

Sarebbe bello che chi ha fatto foto in passato le fornisse in modo da ottenere una galleria completa…

Ovviamente scusatemi nel caso una cosa del genere sia già stata fatta ed è passata inosservata ai miei attentissimi sensi…

Contribuite gente!!!

10 pensieri su “Foto-album Trabocchi Vastesi

  1. Vorrei poter contribuire alla Gallery: I nostri trabocchi, con l’immagine del vecchio trabocco, già in disarmo negli anni 70, da me riprodotto in ceramica e terracotta (sono stati in esposizione alla sala Mattioli, nel luglio scorso, nella Mostra d’arte “Materia Forma Colore”).
    Se può interessare le immagini possono essere liberamente scaricate dal mio sito Opera Fictilia (www.operafictilia.com).
    http://www.operafictilia.com/i.....abocco.htm – (ceramica)
    http://www.operafictilia.com/i.....abocco.htm

    Rispondi

  2. Complimenti per il “reperto” storico spero a questo punto di poter presto fornire anch’io qualche foto sennò ho fatto proprio una bella figura da vocc’aperte . Aspettatemi che torno!!!!!!

    P.S. Continuate a mandare foto che presto organizzeremo una specie di mostra online

    Rispondi

  3. Il titolo di questa cartolina vecchia è: Trabocco di San Nicola e porta il timbro del 1933, forse è lo stesso che ho fotografato.

    Rispondi

  4. Uno scanner sta a “casa mia”…

    Comunque, la tua idea appoggia in pieno la mia…Io quando vedo una foto antica di Vasto ci rimango sempre di…sasso. Dico, possibile che sia cambiato così tanto? Immaginati con la costa…

    Rispondi

  5. Visto cosi mi sembra il mio trabocco preferito che è stato ricostruito al contrario….
    Dovrebbe essere in prossimità di una torretta su una piccola spiaggetta.
    Se mi prestate uno scanner dovrei avere delle diapositive del trabocco prima della ricostruzione..
    Su un libro presente al centro servizi culturali inoltre dovrebbe esserci la foto di com’era (con la testa costruita dove si vedono gli altri pali affiorare
    Se cosi è sono contentissimo che sia stato ricostruito comunque speravo in una ricostruzione più fedele…
    Se invece non è cosi è evidente che è necessario al più presto fare una mappa fotografica sullo stile di flickr della costa vastese con i suoi trabocchi e perchè no la descrizione delle località cosi come si chiamavano una volta.

    Rispondi

  6. Cominciamo da questo che avevo già inserito tempo fa nella homepage.

    Ora pero, gronzitti, ti accolli l’onere di fare da cicero, facendo seguire alle foto le informazioni in tuo possesso del trabocco raffigurato… he he :)

    Di questo che mi dici? Non è quello in loc. trave…

    Rispondi

  7. Benvenga la proposta. Ricordiamo anche la fotostoria di Vasto proposta da Spanish, estesa a qualunque soggetto vastese.
    Hai ragione, la raccolta non è completa per il nome che ha… forse meglio sarebbe chiamarla “trabocchi al porto”.. li ho sempre preferiti sia per le condizioni estetiche che per le maggiori possibilità di ripresa.
    Dovrei avere qualche foto degli altri.. anche se non le preferisco, se ne trovo, le metto qua.

    A tutti consiglio questa ricchissima pagina su vastospa.it

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>